Interviste

Le opere-video di Very Enthusiast avvicineranno il pubblico al mondo intimo degli autori

Quando due entusiaste della vita e amanti della fotografia si incontrano, nasce Very Enthusiast: sono Elena Onti e Silvia Roli.

Per Elena e Silvia l’entusiasmo per la vita è stata la spinta a creare momenti di condivisione

Alla base del loro progetto c’è la creazione di incontri itineranti per instaurare rapporti e creare contatti con artisti e fotografi.

Per Insight Foto Festival il duo di Very Enthusiast ha realizzato  video interviste e opere video sul tema dell’identità. Ogni autore in mostra ha raccontato la sua visione  attraverso pensieri e punti di vista. 

Questi video, alla stregua di opere d’arte, accompagneranno il pubblico durante tutta la loro visita con l’obiettivo di avvicinarli al mondo creativo e intimo degli autori. 

 

Silvia Roli, Elena Onti
Il vostro motto consiste nel “senza entusiasmo non si è mai fatto nulla di grande”, che cos’è per voi l’entusiasmo? E come questa visione vi ha spinto a creare il vostro duo?

“Veryenthusiast” nasce principalmente dalla nostra amicizia. L’entusiasmo per la vita è stato il motore che ci ha portate a desiderare momenti di condivisione.

Curiosità e sensibilità ci hanno fatte appassionare alla fotografia, capace di offrire un ampio sguardo sul mondo.

Veryenthusiast si pone come obiettivo principale quello di creare incontri di interesse culturale, per poter parlare più approfonditamente di fotografa e di tutto ciò che ruota intorno ad essa (cinema, arte, letteratura e musica). La relazione umana è alla base del progetto, tutto ciò che comporta l’incontro e lo scambio reciproco è per noi di vitale importanza.

Come avete creato la relazione con gli autori che avete intervistato? E che valore date a questo incontro?

L’interazione umana è per noi fondamentale, quindi anche nella collaborazione con Insight Foto Festival, ne è stata il fulcro. Il valore degli incontri è stato singolare e personale per ogni autore. Ognuno di loro ci ha raccontato la sua visione e propriocezione, abbiamo quindi tradotto in video ciò che la nostra sensibilità ha percepito.

In questo momento dove la lontananza fisica è una costante, ci siamo fatte guidare dalle personali sensazioni che gli autori e i loro lavori ci hanno suscitato.

very enthusiast
Come avete sviluppato il tema dell’identità nelle vostre video interviste per il festival? E cosa rappresenta per voi l’identità?

Nelle video interviste il tema dell’identità è stato veicolato direttamente dagli autori, per ognuno di loro abbiamo voluto dare spazio ai loro pensieri e concezioni, senza influenzarne il messaggio con la nostra opinione.

La ricerca dell’identità crediamo sia una costante della vita, un continuo oscillare tra definizione e frammentazione del proprio io. Tante sono le correnti che ne dirigono i mutamenti, flussi di pensieri, avvenimenti e confronti. Io, Es e Super Io danzano in questo oceano mutevole che è l’identità.

Drag View