Interviste

Per Jessica Raimondi l’identità è come un moto verso la visione di sé. Un’entità fluida, multiforme e in continuo cambiamento

Jessica Raimondi per la sua ricerca fotografica parte da esperienze personali, focalizzandosi sulla tematica della memoria, con un interesse specifico al rapporto tra memorie collettive e private e ai meccanismi di funzionamento della memoria stessa.

Guideline è il lavoro che porterà per INSIGHT  e sarà visibile a Varese Vive.

Un progetto sui luoghi e sulla loro identità. Sulle memorie e sui loro meccanismi di stratificazione. Ma soprattutto è un progetto aperto che trova nella mostra non solo il punto di arrivo finale ma un ulteriore punto di inizio, ossia un momento che contribuisce attivamente a riscriverne le fondamenta. 

 

Jessica Raimondi
Come nascono i tuoi progetti fotografici, qual è il processo?

I miei progetti nascono solitamente da una un’urgenza personale, che non è e non deve essere necessariamente un dettaglio della mia storia, ma sicuramente qualcosa che direttamente o meno mi coinvolge in prima persona.

A volte l’urgenza nasce da un argomento a cui, in quel momento, sto dedicando un approfondimento e che mi tocca particolarmente. In questi casi ho la necessità di fare ricerca su una tematica specifica e poi di esprimermi utilizzando le immagini.

Prima di iniziare la produzione del lavoro studio molto facendo riferimento a materiale (non necessariamente fotografico) che tratta quel determinato argomento. Poi, solo in un secondo momento, mi approccio alle immagini iniziando a lavorare con esse.

Quasi sempre la nascita dei miei progetti richiede un lungo periodo di lavoro e di immersione in ciò su cui sto lavorando. Inoltre la realizzazione delle immagini non è per me la parte finale e conclusiva del processo ma un ulteriore inizio da plasmare e a cui poi dare una specifica forma.

Quali sono le tue fonti di ispirazione? 

Principalmente i libri: romanzi, saggi, photobooks, qualsiasi tipo di libro. Trovo che il libro come medium sia la forma d’ispirazione a me più vicina e prossima.

 

GUIDELINE
Che cos’è per te l’identità?

L’identità ha a che fare con ciò che un individuo è, con la sua personalità e con la rappresentazione che ha e che da di sé. Dal mio punto di vista però l’identità è un’entità fluida, multiforme, in continuo cambiamento. Più che qualcosa di finito io la considero un processo in itinere, un moto verso se stessi e verso la visione di sé.

Jessica Raimondi
E come il mezzo fotografico può raccontarla?

Credo che la fotografia, o meglio, le immagini, siano uno strumento potentissimo per raccontare di sé e degli altri.

Prima parlavo dell’identità come un moto verso la visione di sé e se ci pensi la visione di sé è già un riferimento al visivo. Ne consegue che, se iniziamo a pensare al concetto di identità anche dal punto di vista visivo, la fotografia diventa uno strumento diretto ed immediato per raccontarla, per evocarla, per fare ricerca su questa tematica.

Drag View